top of page

Friends of The Encephalitis Society

Public·9 members

Gli Anni Delle Cose


Molti sono i cantanti in Italia di maggiore successo del decennio (molti dei quali già affermati negli anni '60), tra i tanti si ricordano Fabrizio De André, Lucio Battisti, Lucio Dalla, Renato Zero, Mina, Edoardo Bennato, Mia Martini, Francesco De Gregori, Francesco Guccini, Gianni Morandi, Patty Pravo, Adriano Celentano, Antonello Venditti, Riccardo Cocciante, Raffaella Carrà, Loredana Bertè, Claudio Baglioni, Fred Bongusto, Rino Gaetano, Mino Reitano, Vasco Rossi, Peppino Di Capri, Franco Battiato, Pino Daniele, Marcella Bella, Al Bano, Mango e molti altri. Tra i gruppi i Matia Bazar, Nomadi, Banco del Mutuo Soccorso, Premiata Forneria Marconi, Delirium, i Cugini di Campagna e altri.




gli anni delle cose


Download File: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Furlcod.com%2F2ugZ9t&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw1vH6_hLSqO5eN4CD4Dz9x8



In seguito all'allunaggio (avvenuto il 20 luglio 1969) e ai progressi della scienza e tecnologia del Novecento, si accendono e si rafforzano le speranze (già nate nei decenni precedenti) che l'uomo avrebbe di lì a poco cominciato a viaggiare e conquistato lo spazio. Era molto frequente in quel periodo un generale ottimismo e una visione del futuro caratterizzata da progressi tecnologici tesi alla colonizzazione e al viaggio nello spazio, tanto che la gente era solita fantasticare sulla possibilità di compiere in un futuro molto vicino un viaggio nello spazio. Tali aspettative erano considerate da molti alquanto realistiche e sarebbero continuate anche negli anni ottanta del XX secolo, per poi affievolirsi gradualmente a partire dagli anni novanta. La visione del futuro degli anni settanta e, in generale, del XX secolo aveva previsto i viaggi nello spazio, ma non era riuscita a prevedere singolarmente e in modo compiuto l'avvento di Internet, della telefonia mobile e della Rivoluzione digitale.


L'Internet delle cose (IdC), in inglese Internet of Things (IoT), è un neologismo utilizzato nel mondo delle telecomunicazioni e dell'informatica che fa riferimento all'estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti, che acquisiscono una propria identità digitale in modo da poter comunicare con altri oggetti nella rete e poter fornire servizi agli utenti.


Il concetto rappresenta una possibile evoluzione dell'uso della rete internet: gli oggetti (le "cose") si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni aggregate da parte di altri[7]. Le sveglie suonano prima in caso di traffico, le scarpe da ginnastica trasmettono tempi, velocità e distanza per gareggiare in tempo reale con persone dall'altra parte del globo, i vasetti delle medicine avvisano i familiari se si dimentica di prendere il farmaco. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete.[8]


Nella visione dell'Internet delle cose, gli oggetti creano un sistema pervasivo ed interconnesso avvalendosi di molteplici tecnologie di comunicazione (tipicamente a corto raggio). I tag RFID hanno rappresentato uno dei primi esempi in tale ambito. Tuttavia, nel tempo sono emerse nuove tecnologie in grado di rendere più efficiente la comunicazione tra gli oggetti. Tra esse spicca lo standard IEEE 802.15.4 e, soprattutto, il suo recente emendamento IEEE 802.15.4e, in grado di incrementare notevolmente l'affidabilità dei collegamenti a radio frequenza e l'efficienza energetica, grazie all'adozione del meccanismo di accesso al mezzo Time Slotted Channel Hopping. Queste tecnologie di più basso livello, quando integrate in architetture protocollari basate sul protocollo IP, possono dar concretamente vita alla visione dell'Internet delle cose, essendo in grado di dialogare con i nodi della rete Internet. In tal senso, è importante menzionare i protocolli IETF 6LoWPAN, RPL, e CoAP, in grado di creare operativamente una rete IP di oggetti che può dialogare con la rete Internet per creare nuovi servizi in molteplici domini applicativi.


Le maggiori problematiche all'IoT riguardano due aspetti: la sicurezza e la privacy, che dipendono dal fatto che i sistemi di tipo centralizzato sempre più grandi in uso si sono rivelati in proporzione sempre più vulnerabili e manipolabili; la maggior parte delle aziende sta quindi lavorando su soluzioni di sistema non più centralizzato ma distribuito, tipo blockchain, che rendano più sicuri i dispositivi da errori o da attacchi informatici.


2. Pentimenti. Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Peter Benchley, ispirato a una storia vera (gli attacchi di squali del Jersey Shore del 1916). L'effetto che il film fece sulle persone, generando una psicosi collettiva verso gli squali, non gli piacque. E così Benchley decise di dedicare il resto della sua vita a proteggere gli squali, fino a definirsi "avvocato degli oceani".Nei primi anni 2000 scrisse un altro libro sugli squali (Squali in pericolo), questa volta, per difenderli. E in un'intervista 2002 a National Geographic, disse che il più grande equivoco che riguardo squali è la teoria che gli squali prendano di mira gli esseri umani e che siano mangiatori di uomini. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Ogni volta che vediamo la gente in televisione circondata da squali, è sicuro al 99 per cento che gli squali sono stati attirati con un'esca. E si dà una falsa impressione, perché per natura gli squali preferiscono stare lontano dalla gente. Lo scrittore concludeva anche che se avessi conosciuto allora la vera natura di squali, non avrei scritto il libro. Benchley è morto nel 2006.


3. Primati. Il film vanta diversi record. Per esempio è il primo blockbuster del cinema contemporaneo: accompagnato da spot martellanti e proiezioni in contemporanea in tutti gli Usa e, in seguito, nel resto del mondo, riuscì ad attirare media e spettatori come mosche. È anche il primo film campione d'incassi estivo: prima dello Squalo era impensabile che un film nuovo uscisse in concomitanza con la stagione delle vacanze. In Italia il film uscì in inverno (il 27 dicembre 1975).


5. Statistiche. Un blog americano si è divertito con le cifre. Secondo l'autrice dell'articolo, ci sono decisamente più possibilità di essere presi ad Harvard, vivere più di 100 anni, nascere con un dito in più ed essere colpiti dai frammenti di una meteora (il riferimento è a un incidente del 2013 nel sud della Russia) e fare scala reale al Poker che essere uccisi da uno squalo.


6. Squali in pericolo. L'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha condotto studi sugli squali e ha scoperto che il 30% delle specie sono sotto minaccia o a rischio estinzione. Il Pew Environment Group lavora per creare santuari per lo squalo, dove non possa essere pescato a Palau, alle Maldive, alle Bahamas e in Honduras. Ogni anno si calcola che vengano uccisi 100 milioni di squali, anche a causa della crescente popolarità culinaria della zuppa di pinne di squalo.


Il teatro è stata una parte fondamentale della sua formazione attoriale e per molti anni si è concentrata sulla performance teatrale, prima di accettare ruoli per film e serie tv.Uno dei suoi primi ingaggi è stato per According to Brian Haw nel 2009, una produzione messa in scena dal British Youth Music Theatre. Parallelamente è entrata a far parte del National Youth Theatre Of Wales.


Le condizioni sui trasporti erano orribili. Le autorità locali tedesche e i loro collaboratori costringevano gli ebrei di tutte le età a salire su vagoni sovraffollati, dove spesso dovevano restare in piedi, a volte per giorni, finché il treno non arrivava a destinazione. I responsabili delle deportazioni privavano i prigionieri di cibo, acqua, bagni, riscaldamento e cure mediche. Gli ebrei spesso morivano durante il viaggio a causa delle condizioni disumane.


In tutti e cinque i campi di sterminio, gli ufficiali tedeschi obbligavano alcuni prigionieri ebrei ad assistere agli omicidi. Tra gli altri compiti, questi prigionieri dovevano smistare gli effetti personali delle vittime e rimuoverne i corpi dalle camere a gas. Le unità speciali si sbarazzarono di milioni di cadaveri attraverso le sepolture di massa, o bruciandoli in fosse comuni o in grandi forni crematori appositamente progettati.


Una delle cose più letali che vicini, conoscenti, colleghi e persino amici potevano fare era denunciare gli ebrei alle autorità tedesche naziste. Tantissime persone scelsero di farlo rivelando i nascondigli degli ebrei, smascherando false identità cristiane e segnalando in altri modi gli ebrei agli ufficiali nazisti. Così facendo, li condannarono a morte. Le motivazioni di questi individui erano molto varie: paura, interesse personale, avidità, vendetta, antisemitismo e convinzioni politiche e ideologiche.


Gli esseri umani possono sopportare una settimana senza acqua, due settimane senza cibo, molti anni di senzatetto, ma non la solitudine. È la peggiore di tutte le torture, la peggiore di tutte le sofferenze.


Per il suo tredicesimo compleanno Anne, che in quel momento non vive ancora nel nascondiglio, riceve in dono un diario. Durante i due anni della clandestinità Anne scrive quello che succede nella casa sul retro, quello che sente e pensa. Inoltre scrive dei raccontini, inizia a comporre un romanzo e trascrive nel suo Libro dei bei pensieri alcuni brani dai testi che legge. Scrivere la aiuta a far passare il tempo.


  • /g, '') %>Altri daCultura5 libri da leggereLa classifica libri più venduti del 2023 Pubblicità - Continua a leggere di seguitoSoldi e uomo, liaison pericolosa e sensualeStoria del Copacabana Palace e delle sue festeGli audiolibri: modo per riscoprire la letteraturaPerché dovremmo tornare a telefonare chi amiamo?Gli strappi dell'amore nei libri da scoprire questLa mostra a Milano dedicata a tutte le donneIl fotografo che trasforma la normalità in poesiaLe orchidee hanno bisogno di selfie

Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguito Pubblicità - Continua a leggere di seguitoAltri daCreato perCreated By perPresented ByCreated By+ lowSlideCount) { %>of 041b061a72


About

A giving circle dedicated to supporting the awareness and tr...
bottom of page